Notizie su Malattie Rare e Salute

Notizie dal WEB selezionate dallo Staff di RMR su Medicina, Salute, Genetica, Chirurgia, Malattie Rare, Farmaci, Bioetica e Nuove Tecnologie.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

aboutpharma.com

Malattie rare, le proposte di Ossfor per velocizzare l’accesso alle cure

Un position paper dell’Osservatorio farmaci orfani individua una serie di interventi per migliorare l’applicazione dei programmi di accesso anticipato e ridurre i tempi. Dalle modifiche alle legge 648/96 al dialogo precoce tra Aifa e aziende

di Redazione Aboutpharma Online  24 settembre 2018
malattie rare

   I programmi di accesso anticipato (Eaps) consentono ai malati rari di accedere ad alcune terapie prima che queste arrivino sul mercato.  Strumenti validi, disciplinati in Italia da una serie di norme, che possono comunque essere migliorati così da velocizzare i tempi di accesso alle cure. Con una serie di interventi da modulare nel breve, medio e lungo periodo. È questo lo spirito di un position paper presentato oggi al Senato dall’Osservatorio farmaci orfani (Ossfor).

Leggi tutto: Malattie rare, le proposte di Ossfor per velocizzare l’accesso alle cure

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ansa.it

Malaria, una reazione a catena genetica annienta le zanzare

Le femmine diventano sterili

Redazione ANSA 24 settembre 2018 18:23

    Una reazione a catena genetica è riuscita per la prima volta al mondo ad annientare intere popolazioni delle zanzare anofele che trasmettono la malaria. L'esperimento, pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology, è stato condotto in Gran Bretagna dall'italiano Andrea Crisanti, dell'Imperial College di Londra.

Leggi tutto: Malaria, una reazione a catena genetica annienta le zanzare

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

www.ansa.it

Scoperta la causa del sonno incontrollabile

L'assenza di un messaggero chimico all'origine della narcolessia

Redazione ANSA ROMA 24 settembre 2018 15:22
La scoperta, pubblicata sulla rivista Nature, grazie a ricercatori italiani © ANSA/Ansa La scoperta, pubblicata sulla rivista Nature, grazie a ricercatori italiani © Ansa

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

pharmastar.it

Behcet, studio italiano: risultati preliminari promettenti per secukinumab

  • Lunedi 24 Settembre 2018  Nicola Casella

    Uno studio retrospettivo italiano, coordinato dal dr. Giacomo Emmi (ricercatore universitario presso il Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica dell’Università di Firenze) e condotto, tra gli altri, assieme al Dr Gerardo Di Scala della stessa Unità, è stato recentemente pubblicato sulla rivista Journal of Autoimmunity. Questo studio pilota ha documentato il vantaggio derivante dall'impiego di un regime di trattamento farmacologico a base di secukinumab, inibitore di IL-17, nel migliorare, ad entrambi i dosaggi testati (150/300 mg mensili) le manifestazioni attive mucocutanee refrattarie ai trattamenti precedenti e, al dosaggio superiore, nell'indurre una risposta articolare e completa nei pazienti affetti da sindrome di Behcet.

Leggi tutto: Behcet, studio italiano: risultati preliminari promettenti per secukinumab

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

pharmastar.it

Sindrome dell'intestino corto, 800 pazienti in Italia. Arriva teduglutide il primo farmaco specifico per ridurre la nutrizione parenterale

   In Italia ci sono circa 800 pazienti, di cui 150 pediatrici, con la sindrome dell'intestino corto. Tale condizione che comporta mal assorbimento e malnutrimento deriva da un fatto acuto, come un infarto intestinale, oppure da malattie croniche che richiedono la resezione di parti importanti dell'intestino. Tipico esempio è la malattia di Crohn. Oggi per una parte di questi pazienti si aprono nuove prospettive di cura con la disponibilità di teduglutide, un peptide glucagone simile 2 che preserva l'integrità della mucosa promuovendo la riparazione e la normale crescita dell'intestino attraverso un incremento dell'altezza dei villi e della profondità delle cripte. Il farmaco riduce la necessità di nutrizione artificiale e in qualche caso ha portato addirittura allo svezzamento da questa procedura salvavita.

Leggi tutto: Sindrome dell'intestino corto, 800 pazienti in Italia. Arriva teduglutide il primo farmaco...