Notizie su Malattie Rare e Salute

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ansa.it

Facebook, da oggi priorità ai media affidabili

Segnalati da utenti, conclusa la fase sperimentale

Enrica Battifoglia ROMA 03 luglio 2018 10:13
Facebook, da oggi priorità ai media affidabili © AP

   'Conosci questo sito?' e 'Quanto lo ritieni affidabile?': da oggi queste due domande diventeranno di casa su Facebook perché sarà il modo in cui gli utenti risponderanno ad esse a indicare le notizie e le fonti di informazione più affidabili. Non sono domande nuove perché dall'11 maggio scorso avevano cominciato a circolare all'interno di un campione di utenti del social in una sperimentazione che si conclude oggi. Diventa così attiva in Italia la valutazione dei media giudicati più affidabili dagli utenti di Facebook.

  Oltre che in Italia, rende noto il social network, il NewsFeed che dà priorità alle notizie affidabili diventa effettivo anche in India, Gran Bretagna, Germania, Francia e Spagna. E' un altro passo nell'impegno di Facebook contro le fake news e per dare priorità alle notizie e alle fonti di qualità. Lo aveva dichiarato lo stesso social network lanciando l'iniziativa negli Stati Uniti nel gennaio scorso, invitando gli utenti a segnalare notizie e fonti degne di fiducia, utili e importanti a livello di community.

Leggi tutto: Facebook, da oggi priorità ai media affidabili

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ilmattino.it/blog

Una nuova malattia rara scoperta alla Federico II

Maria Pirro di Maria Pirro

Si chiama malattia da difetto di Itpkb, è causata da alcune alterazioni dei linfociti B, le cellule nel sangue che ci proteggono dalle infezioni. Ed è l'ultima patologia rara scoperta alla Federico II grazie allo screening rivolto ai malati, tante, troppe volte orfani di cure e, in un caso su tre in Italia, anche senza diagnosi.

Claudio Pignata in un laboratorio di pediatria al Policlinico - A. Garofalo, Newfotosud   «Per tutti, la svolta può arrivare solo grazie alla ricerca scientifica direttamente applicata in corsia», dice Claudio Pignata, professore ordinario di Pediatria, che ha identificato la mutazione genetica mai descritta al mondo all'origine della forma severa di immunodeficienza. «La nuova malattia individuata - chiarisce il docente - è caratterizzata da un'alta incidenza a sviluppare tumori ematologici, oltre che dalle scarse difese nel combattere le infezioni».  Un dramma nel dramma riscontrato in cinque casi su otto individuati al Policlinico. E, per trattarli, si punta adesso su farmaci biologici, risultati efficaci in condizioni analoghe. «La medicina di precisione può garantire una maggiore qualità nelle cure sempre più personalizzate», aggiunge Pignata, che con la collega Vera Gallo ha condotto lo studio durato cinque anni.

Leggi tutto: Una nuova malattia rara scoperta alla Federico II [difetto di Itpkb]

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

quotidianosanita.it

Fibrosi polmonare: la metformina potrebbe farla regredire

Se confermata da ulteriori studi, rappresenterebbe una scoperta fondamentale per i milioni di persone affette da fibrosi polmonare. Una serie di esperimenti descritti in un lavoro pubblicato oggi su Nature Medicine suggeriscono infatti che la metformina sarebbe in grado di far regredire la fibrosi polmonare, attivando l’attività dell’AMPK.

   02 LUG - La metformina, oltre ad essere un caposaldo nella terapia del diabete, potrebbe rivelarsi di grande aiuto anche nel trattamento della fibrosi polmonare. A rivelare questa insolita performance del farmaco insulino-sensibilizzante è uno studio pubblicato oggi su Nature Medicine.
 
   La fibrosi polmonare è una condizione con pochi trattamenti disponibili e per la quale non è ancora stata stabilita una causa precisa, sebbene molti progressi siano stati fatti di recente nella comprensione della patogenesi. Può comparire a seguito di noxae le più varie: da un’infezione polmonare, alla radioterapia, alla chemioterapia, ad esempio. E quando non si riesce a rintracciare una possibile causa, la si descrive come fibrosi polmonare primitiva (IPF). L’IPF è una condizione progressiva, che può condurre a morte e che interessa circa 5 milioni di persone nel mondo.
 
Lo studio pubblicato su Nature Medicine è stato condotto su tessuto polmonare prelevato da paziente con IPF, su fibroblasti di polmone di topo e su un modello murino di fibrosi polmonare.
Gli autori dello studio,Jaroslaw Zmijewski e Victor Thannickal dell’Università dell’Alabama sono così riusciti a dimostrare che il trattamento con metformina induceva una regressione della fibrosi polmonare, rivelando anche i meccanismi cellulari coinvolti.

Leggi tutto: Fibrosi polmonare: la metformina potrebbe farla regredire

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

pharmastar.it

Chmp il primo fattore sostitutivo ricombinante

  Il Chmp ha raccomandato l'autorizzazione all'immissione in commercio in Europa per vonicog alfa, fattore di von Willebrand ricombinante indicato per gli adulti affetti dalla malattia di von Willebrand. Sviluppato da Shire, una volta approvato in via definitiva sarà messo in commercio con il marchio Veyvondi.

  Il Chmp ha raccomandato l'autorizzazione all'immissione in commercio in Europa per vonicog alfa, fattore di von Willebrand ricombinante indicato per gli adulti affetti dalla malattia di von Willebrand. Sviluppato da Shire, una volta approvato in via definitiva sarà messo in commercio con il marchio Veyvondi.

   Una volta in commercio, il farmaco sarà il primo e unico fattore di von Willebrand ricombinante indicato per trattare l'emorragia e trattare/prevenire il sanguinamento chirurgico negli adulti (dai 18 anni in su) con malattia di von Willebrand. Il farmaco contrasta la carenza primaria o la disfunzione del fattore di von Willebrand (VWF), consentendo al contempo all'organismo di ripristinare e mantenere livelli plasmatici adeguati del fattore VIII.

Leggi tutto: Chmp il primo fattore sostitutivo ricombinante

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

pharmastar.it

Spegnere la morte cellulare "per fuoco", nuovo obiettivo per fermare la sclerosi multipla

Bloccare un tipo unico di morte cellulare che si verifica nella sclerosi multipla (SM) - detta piroptosi o "morte per fuoco"- potrebbe essere un modo per fermare la malattia. È quanto rivela una nuova ricerca pubblicata su "PNAS" (Proceedings of the National Academy of Sciences), secondo i cui autori tale processo sarebbe il "meccanismo primario" sottostante alla distruzione della mielina.

Bloccare un tipo unico di morte cellulare che si verifica nella sclerosi multipla (SM) – detta piroptosi o “morte per fuoco”- potrebbe essere un modo per fermare la malattia. È quanto rivela una nuova ricerca pubblicata su “PNAS” (Proceedings of the National Academy of Sciences), secondo i cui autori tale processo sarebbe il "meccanismo primario" sottostante alla distruzione della mielina.

Leggi tutto: Spegnere la morte cellulare "per fuoco", nuovo obiettivo per fermare la sclerosi multipla