Quei 'flash' ad alta definizione che illuminano meglio le cellule malate

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Quei 'flash' ad alta definizione che illuminano meglio le cellule malate

Il Cnr ha messo a punto un metodo che usa i princìpi della fotonica per la diagnosi delle patologie

10 febbraio 2018,17:08 Quei 'flash' ad alta definizione che illuminano meglio le cellule malate

Messa a punto un'innovativa tecnica spettroscopica che permette di misurare simultaneamente e senza necessità di contatto le proprietà meccaniche e chimiche di cellule viventi e tessuti, con una risoluzione altissima. Si tratta di uno strumento importante per la diagnosi di diverse patologie, comprese il tumore. A realizzarlo è stato un gruppo di ricercatori dell'Istituto officina dei materiali del Consiglio nazionale delle ricerche (Iom-Cnr) di Perugia e dell'Istituto di biofisica (Ibf) del Cnr di Trento, in collaborazione con colleghi dell'Università di Perugia.

 

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Light: Science & Applications. L'innovativo spettrometro sfrutta l'interazione della luce con la materia. "Sappiamo che le cellule hanno proprietà e forme diverse a seconda della loro funzione e del loro stato, e che modifiche nell'elasticità cellulare o dei tessuti biologici in generale sono causa o indicatori di diverse patologie", ha detto Silvia Caponi (Iom-Cnr), ricercatrice che ha coordinato lo studio. "Ad esempio, le coronarie indurite - ha continuato - generano problemi cardiaci, l'indebolimento delle ossa causa complicazioni ortopediche, modifiche elastiche nel tessuto corneale generano patologie oculari. Oggi, grazie a questa tecnica saremo in grado di individuare precocemente i segnali meccanici cellulari che indicano l’insorgere di possibili disturbi".

 

Misurando l'elasticità

La tecnica utilizza una modalità di indagine della materia propria dell'ottica e della fotonica.

"Lo studio ha dimostrato la possibilità di misurare le variazioni dell'elasticità all'interno della singola cellula dovute alla presenza delle diverse strutture sub-cellulari", ha aggiunto Mauro Dalla Serra (Ibf-Cnr). "I risultati più promettenti dal punto di vista applicativo - ha proseguito - sono stati ottenuti confrontando cellule in condizioni fisiologiche o patologiche. Ci si è accorti che cellule tumorali sono significativamente più soffici rispetto a quelle sane, mostrando una riduzione complessiva dei moduli elastici (15 per cento) e della viscosità (50 per cento). Queste proprietà possono spiegare il potenziale invasivo osservato nelle cellule tumorali: la loro aumentata capacità di deformazione ne aiuta la diffusione attraverso la matrice extracellulare favorendo lo sviluppo di metastasi. Le proprietà meccaniche delle cellule, pertanto, potranno costituire grazie a questa tecnica un nuovo e prezioso bio-marker per numerose patologie, e un potenziale strumento di diagnosi anche per le patologie tumorali".